Pubblica amministrazione. Studio Demoskopika ripreso da Unione Sarda

July 21, 2016

 

Sono dieci le realtà regionali i cui enti locali ottengono un piazzamento al di sopra della media italiana nella top ten sull’efficienza della pubblica amministrazione stilata dall’Istituto Demoskopika: sei al Nord, tre al Centro e soltanto una nel Mezzogiorno. Tra le “comunità istituzionali” più efficienti svettano Valle d’Aosta, Trentino Alto Adige, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna e Umbria. Al contrario, le più “scassate” risultano Campania, Molise, Calabria, Sicilia e Basilicata.

Gli enti istituzionali che investono maggiormente nella formazione dei loro dipendenti, inoltre, ottengono perfomance migliori nel processo di erogazione dei servizi. Con una spesa per ciascun dipendente pari a 312 euro, infatti, gli enti locali operanti nell’area settentrionale del Paese conquistano la vetta nella graduatoria del gradimento sui servizi erogati ai cittadini: 70,9 punti ben al di sopra della media italiana, pari a 50,4 punti, e distante di oltre 41 punti dall’appeal burocratico delle istituzioni meridionali ferme ad un disastroso risultato, appena 29,4 punti, con appena 152 euro di “investimento in competenze” per ciascun dipendente. Esiste, dunque, una relazione diretta tra la spesa nella formazione del personale nel settore pubblico e la qualità dell’offerta erogata.

Due le dimensioni utilizzate per mappare l’efficacia delle istituzioni locali ai vari livelli: le risorse finanziarie impiegate per la formazione del personale di Regioni, Province e Comuni e la qualità dei servizi del settore pubblico. é quanto emerge dalla Nota scientifica “L’efficienza della PA negli enti locali italiani” realizzata dall’Istituto Demoskopika.

LEGGI ARTICOLO UNIONE SARDA

Please reload

#evidenza

Turismo. Coronavirus, 143 milioni di presenze in meno nel 2020

March 30, 2020

1/10
Please reload

#recenti
Please reload

#archivio
Please reload

Search By Tags