Cerca
  • Redazione

Democrazia diretta. Ai cittadini di Rende 900 mila euro di scelte. La rassegna stampa


Un vademecum sulle modalità di partecipazione all’iniziativa che verrà inviato a circa 16 mila famiglie rendesi, un sondaggio che coinvolgerà un campione rappresentativo di 800 cittadini, un forum di confronto con i principali “portatori di interesse” del territorio, circa 900 mila euro nella disponibilità della comunità, per il biennio 2016-2017, per condividere, indicare una priorità o un suggerimento per un intervento da realizzare per migliorare la qualità della vita di Rende. Queste, in sintesi, le fasi del processo di rendicontazione sociale che porteranno alla realizzazione del primo Bilancio Partecipativo del Comune di Rende.

A ben 800 cittadini, rappresentativi della popolazione comunale, verrà sottoposto telefonicamente, nel mese di febbraio, un semplice questionario, attraverso il quale potranno esprimere il loro livello di condivisione, di proposizione o di priorità della spesa sulle politiche pubbliche relativo a più aree tematiche di competenza del Comune (ambiente, lavori pubblici, sviluppo economico, aree verdi, rifiuti, attività sociali, cultura, etc.). Per un più ampio coinvolgimento della cittadinanza, inoltre, il questionario potrà essere compilato da tutti i cittadini accedendo al link del progetto dal sito istituzionale del Comune di Rende. Successivamente, verranno coinvolti i principali “portatori di interesse” del territorio comunale individuati prioritariamente secondo il criterio della massima attenzione, ruolo e interesse alle tematiche di politiche pubbliche di competenza del Comune di Rende. In occasione dell’incontro, dopo una breve illustrazione degli amministratori comunali sugli interventi realizzabili, i partecipanti esprimeranno la loro opinione su quanto ascoltato, proporranno suggerimenti migliorativi anche attraverso un questionario da loro compilato nel corso dell’iniziativa. Da ultimo, le opere e gli interventi indicati dai cittadini verranno, dopo una puntuale valutazione dell’Amministrazione comunale sulla fattibilità propositiva, approvati dalla Giunta comunale e costituiranno parte del documento di Bilancio di previsione da sottoporre all’approvazione del Consiglio comunale. Successivamente il Comune provvederà ad istruirne e ad avviarne la realizzazione.

#partecipazione #Rende #Demoskopika #BilancioPartecipativo #Trasparenza #cittadini

0 visualizzazioni